Luca Santiago Mora –

Da 13 anni, come artista visivo ho dedicato un atelier ai bambini della Neuropsichiatria Infantile dell’AUSL di Reggio Emilia.
Ho iniziato per caso, se mai il caso esistesse, e all’inizio mi sembrava un errore essere lì, con loro.
Poi ho scoperto che loro si sentono quasi sempre errori, grazie a noi normali: a scuola, sull’autobus, alle feste di compleanno dove non vengono invitati mai...
Ma anche che sull’errore si può costruire un meraviglioso metodo di lavoro per riscattare la potenzialità poetica di questi ragazzini, sconosciuta a molti, a me per primo.
Almeno per questi tre motivi il nostro lo abbiamo chiamato Atelier dell’Errore
In atelier abbiamo disegnato sempre e solo animaliAnimali che nessuno ha visto mai, animali che, contrariamente all’aspetto spesso feroce ed aggressivo (è solo timidezza, o legittima difesa, dicono di loro in atelier) si fanno docili e con infinita pazienza portano sulle loro spalle molte proiezioni delle problematicità di questi ragazzini, portandole lontano, almeno per un po’, con grande sollievo, di tutti noi.
Questo in breve Atelier dell’Errore.

 In questi 13 anni di attività, Atelier dell'Errore si è rivelato valido compendio all'attività clinica della Neuropsichiatria Infantile ma anche opera d'arte relazionale, e come tale ha partecipato a numerose esposizioni e manifestazioni legate all’arte contemporanea in tutta Italia. Dal 2011, per volontà dei genitori e dei ragazzini che frequentano l’atelier, si è costituita ufficialmente: Atelier dell’Errore ONLUS, con il mandato di promuovere il lavoro svolto per la NPI dell’AUSL di Reggio Emilia e riproporre l’esperienza di Atelier dell’Errore in altre realtà legate alla Neuropsichiatria Infantile in Italia.

Dal gennaio 2013, grazie ad un finanziamento privato, abbiamo inaugurato Atelier dell’Errore Bergamo, al servizio della Neuropsichiatra Infantile dell’A.O. Giovanni XXIII di Bergamo, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo e il Museo di Scienze Naturali E.Caffi.

Incoraggiati dai numerosi riconoscimenti ottenuti in Italia e all’estero su specifica sollecitazione da parte di alcuni genitori è nato Atelier dell’Errore BIG: alta scuola di specializzazione e formazione lavoro nell’ambito delle Arti Visive, dedicata ai ragazzini che hanno frequentato per molti anni l’atelier inviati dalla Neuropsichiatria Infantile ma che, compiendo i 18 anni e passando all’Handicap Adulto, non avrebbero più possibilità di coltivare il loro talento artistico.
Atelier dell’Errore BIG si autofinanzia con progetti legati al mondo delle arti visive, dell’editoria e dell’immagine e ha sede all’interno della prestigiosa Collezione Maramotti a Reggio Emilia.

Trasformare una Problematicità Sociale in Ricchezza Sociale è il coronamento di tutto il percorso del progetto Atelier dell’Errore.